Volpino Italiano: 5 caratteristiche da conoscere

0
368

Il volpino, o più correttamente Volpino Italiano, è una razza di cani di piccola taglia selezionata e allevata nel Bel Paese da tempi molto antichi. Apprezzato cane da compagnia, ha un aspetto inconfondibile con la coda all’insù, il volto dalle fattezze volpine (da cui il nome) e il pelo chiaro e vaporoso.

Apprezzato cane da lavoro e da salotto ai tempi del Rinascimento, il Volpino Italiano è stato per lungo tempo relegato nel dimenticatoio. Oggi è tornando ad essere una vera chicca per appassionati, amato e ricercato dai suoi estimatori in tutta Italia. All’estero è invece poco conosciuto, mentre specie simili di origine tedesca e asiatica sono invece più note e diffuse.

A dispetto della sua bassa popolarità oltre confine, le caratteristiche caratteriali e fisiche di questo cane ne fanno una razza unica e molto interessante.

Le 5 caratteristiche che devi assolutamente conoscere del Volpino Italiano

1. Il Volpino è un cane da guardia

A guardarlo nessuno potrebbe mai immaginarlo, ma il lavoro principale del Volpino è quello di fare la guardia. Anche se le dimensioni non lo premiano, il Volpino sa infatti essere un eccellente allarme a quattro zampe. Il carattere possessivo e l’ugola d’oro fanno di questo piccolo cane una formidabile sentinella. Tradizionalmente, veniva affiancato a cani di mole ma dall’indole meno reattiva. Il compito del Volpino quindi era di scorgere per prima gli intrusi. Con l’abbaio acuto e insistente, richiamava l’attenzione dei molossi che accorrevano a completare il lavoro.

La piccola stazza, inoltre, favoriva il suo impiego nelle aie, a protezione degli animali da cortile che facilmente erano preda di ladri o faine.

2. Rientra nel gruppo Spitz e cani primitivi

Nonostante le sue piccole dimensioni, il Volpino Italiano è classificato nel gruppo 5 (Cani Spitz e cani primitivi) insieme a razze di mole adatte a lavori duri. Tra gli altri componenti della sua categoria, infatti, figurano i cani da slitta e quelli nordici da caccia o da neve.

E’ probabile che la linea di sangue del Volpino sia stata selezionata a partire dai Kleinspitz tedeschi, anch’essi piccoli e dall’aspetto molto simile. L‘origine degli Spitz è molto antica e condividono tutti l‘attitudine al lavoro e all’utilità per l’uomo, ciascuno secondo le proprie peculiarità.

Il Volpino, dal canto suo, ha mantenuto l’indole dei grossi cani artici da cui probabilmente discende, con un carattere fiero e combattivo, leale e indipendente allo stesso tempo.

3. Negli anni ’60 il Volpino ha rischiato di sparire

Dopo i fasti e gli onori del passato, quando il Volpino rallegrava gli animi delle donzelle a corte e difendeva fiero le aie dei contadini, questa razza ha rischiato di estinguersi per sempre. Negli anni ’60, il periodo più difficile per questo antico lignaggio, la popolazione di Volpini italiani era ridotta a qualche centinaio di esemplari. Fortunatamente, un progetto di recupero mirato alla conservazioni dei suoi geni ha dato i frutti sperati. Oggi il numero dei Volpini nel paese è cresciuto moltissimo, portando la popolazione a circa 5000 esemplari.

L’importanza di progetti come questo è spesso trascurata, quando invece rappresenta un elemento decisivo per il mantenimento della biodiversità. Non solo tra le specie selvatiche, ma anche tra quelle domestiche, infatti, è importante salvaguardare la ricchezza e la varietà biologica. Sottospecie e razze differenti rappresentano un patrimonio di diversità genetica che, una volta perduta, è spesso impossibile da acquisire nuovamente.

4. Volpino italiano, un concentrato di energia

Molto spesso, chi si avvicina al Volpino o accarezza l’idea di adottarne uno, lo fa credendo di portare in casa un peluche tutto coccole e bacini. E’ bene sapere, invece, che il carattere di questo piccolo guardiano è tutt’altro che remissivo come in molti credono. Il temperamento selvaggio dei suoi antenati, infatti, non è per nulla sopito e l’adattabilità agli appartamenti non cancella lo spirito indomito di questo cane primitivo.

L’energia posseduta dal Volpino Italiano è inesauribile e sarà importante concedergli gli giusti spazi per poterla esprimere al meglio. La gestione di questa razza dovrà quindi prevedere frequenti passeggiate e attività fisica intensa, così che possa dare libero sfogo a tutto il suo vigore.

Anche se piccolo, il Volpino non teme il confronto con avversari di ogni taglia, quindi andrà attentamente sorvegliato in presenza di altri cani. Con i membri della famiglia, però, sarà sempre amorevole e affettuoso, anche nel caso di animali d’altra specie.

Al minimo segnale di pericolo, vero o presunto, non esiterà ad abbaiare con voce acuta e intensa, mostrando con ardore le sue doti di guardiano. In città questo temperamento rumoroso potrebbe risultare problematico, soprattutto se si condividono gli spazi con vicini poco inclini a tollerare la sua vivacità.

5. Il Volpino è perfetto per l’Agility Dog

Energico e vitale, il Volpino Italiano associa alle caratteristiche caratteriali delle doti atletiche di grande agilità e rapidità. Per questo motivo risulta perfetto per la pratica dell’Agility. Se l’apprendimento dell’educazione di base può a volte essere un po’ troppo impegnativo, laddestramento all’esercizio sarà veloce e gratificante. Il Volpino si divertirà moltissimo ad eseguire i percorsi e scatenerà nel campo tutta la sua energia. La partecipazione alle attività di coppia rinsalderà ancora di più il legame con il suo conduttore, migliorando il rapporto in tutte le sue espressioni.

Conclusione

In conclusione, il Volpino è una razza di grande fascino e dalle mille sfumature, che saprà regalarvi una lunga amicizia e tanti interessanti spunti di riflessione. La vicinanza caratteriale ai cani ancestrali e il temperamento fiero, nel Volpino si uniscono ad eccellenti doti da cane da compagnia, facendone un insieme unico di esperienze ed emozioni.

Per tutte queste ragioni, consigliamo di prendere in considerazione l’adozione di un Volpino a tutti coloro che, pur abitando in appartamento, vogliano godere dell’affetto di un cane che possa portare un po’ di spirito selvaggio tra le confortevoli mura delle case di città.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here