Basenji: le 7 particolarità che devi conoscere

0
832

Il Basenji è un cane di piccola taglia dalle caratteristiche comportamentali e fisiologiche assolutamente uniche. Rimasto confinato nelle foreste africane fino alla metà del ‘900, questo cane primitivo ha abitudini che lo rendono una razza diversa da tutte le altre. Nonostante sia un cane dal temperamento selvaggio, è molto adatto a vivere in appartamento se si ha la possibilità di dedicargli il giusto tempo. Una via di mezzo tra un lupo, un gatto e un fedele cane da caccia e compagnia, il Basenji vi saprà stupire per il repertorio di comportamenti unico e per la vivace intelligenza, unita ad un aura magica che spingeva le tribù africane a venerarlo come un Dio.

La 7 particolarità che devi conescere prima di adottare un Basenji

1. Per 5000 anni è stato l’incontrastato re del Congo

Le prime tracce documentali di cani Basenji sono state ritrovate in antiche luoghi di culto di antiche civiltà Africane. Pitture rupestri e decorazioni di tombe risalenti ad oltre 5000 anni fa sono infatti i più antichi riferimenti a questi cani straordinari.

Gli occidentali ne scoprirono l’esistenza in Congo nel 19° secolo, ma i primi tentativi di portarlo in Europa fallirono per la suscettibilità alle malattie presenti nel vecchio continente. Si dovete aspettare il 1934 per vedere i primi Basenji nati in America e in Gran Bretagna, grazie all’encomiabile lavoro di allevatori esperti.

2. Basenji: cane o gatto?

Il Basenji si distingue decisamente da tutte le altre razze di cani per il suo carattere selvatico e testardo, la corporatura piccola e agile, il temperamento indipendente e la pulizia maniacale del corpo.

Durante la giornata, il Basenji spende una lunga parte della giornata nella cura del pelo, proprio come farebbe un gatto. Il pelo di questi cani è anche molto corto e senza sottopelo, per cui non tende a lasciare in giro molti ricordi. Chi ama i cani ma tiene particolarmente alla pulizia della casa, troverà in questi cani la sintesi perfetta per le proprie necessità.

Uno dei ruoli per cui questi cani furono selezionati era la caccia ai topi all’interno dei villaggi. La corporatura agile, la rapidità e il forte istinto di caccia li rendeva perfetti per questo ruolo, occupando il posto dei gatti nella gerarchia di molte tribù.

3. Il Basenji, anima da lupo

Per molte cose il Basenji è rimasto molto vicino ai lupi. Nonostante l’aspetto fisico sia molto diverso dal suo antico progenitore, nel carattere e nel comportamento è rimasto molto del suo cugino selvatico.

Ad esempio, il Basenji non abbaia. Proprio come i lupi, può di tanto in tanto emettere un singolo, circosritto abbaio ma il suo repertorio vocale abituale è molto differente. Guaisce, ringhia, urla o si produce in melodici yodel, ma non lo sentirete mai abbaiare con vigore come farebbe un qualunque altro cane.

E’ fedele con la famiglia, ma molto schivo con gli estranei e non ha lo spirito di chi ama compiacere. Se cercate un cane che vi porti le pantofole al divano la sera, il Basenji non è il cane che fa per voi.

A differenza di tutti gli altri cani, inoltre, le femmine vanno in calore solo una volta l’anno, proprio come accade nei lupi.

4. Un cane da caccia e da guardia dal valore inestimabile

Tra le popolazioni Congolesi dove il Basenji era diffuso, un esemplare di questa razza di buona genealogia e attitudine era più apprezzato di qualunque altra cosa. Durante la caccia, veniva utilizzato per spingere la selvaggina di piccola taglia verso le reti dei cacciatori e cercare le piste per scovare le prede. Inoltre era particolarmente apprezzato per la capacità di avvertire la presenza di grandi predatori sui sentieri di caccia e dare l’allarme al gruppo die battitori.

Il suo istinto di caccia non è certo sopito neppure oggi, rendendo il Basenji un cane facile alla fuga e sempre pronto all’inseguimento. Sarà quindi opportuno prendere le giuste contromisure per evitare che si perda per seguire un piccione o uno scoiattolo.

5. Ottimo cane da sport..se riuscite a convincerlo

Le attitudini fisiche lo rendono un cane perfetto per lo sport, ma il carattere selvatico non ne facilita l’addestramento. Se desiderate un simpatico cucciolone che vi riporti la palla o afferri il frisbee al volo, non siete sulla strada giusta. E’ invece un cane che può dare grandi soddisfazioni nel coursing, in cui i cani si lanciano all’inseguimento di prede simulate trainate da carrucole meccaniche.

L’istinto e l’atletismo del Basenji lo faranno eccellere in questa disciplina. Potrebbe essere anche un superlativo cane da agility, ammesso che riusciate a trovare un modo per convincerlo che sia una buona idea.

6. Bsenji: cane da guardia eccellente…in miniatura

Chiunque minacci la sicurezza della casa o della famiglia del Basenji, dovrà vedersela con lui. Coraggioso e indomito, non si tira indietro, combatte con caparbietà per difendere i suoi affetti e richiamerà, con le sue urla, l’attenzione di tutto il vicinato.

Sfortunatamente, la piccola taglia non gioca a suo favore e nel confronto fisico non riesce sempre ad avere la meglio, ma sarà lo stesso un vero incubo per ladri e malintenzionati.

7. Per il Basenji il mondo è un posto sorprendente…o forse no?

Più della coda arricciata sulla schiena, ciò che caratterizza più di tutto l’aspetto del Basenji è la sua caratteristica espressione di stupore. Quando qualcosa attira la sua attenzione, drizza le orecchie e assume dei lineamenti che sembrano dire: “ma è proprio vero quello che vedo?”

In realtà, quello che agli occhi di uno spettatore umano sembra inequivocabilmente una ammissione di stupore e incredulità, è solo il risultato della piega della pelle del capo. In risposta all’innalzamento delle orecchie, la pelle si rincagna e ne viene fuori questa ingannevole espressione.

Basenji: perché si e perché no.

Riassumendo le caratteristiche più importanti di questa antica razza, possiamo ribadire cosa potrebbe spingere ad adottarlo e cosa potrebbe invece far preferire qualche altra razza.

Perché sì: repertorio comportamentale affascinante; piccola taglia; pulitissimo; tiene a bada i topi; adatto ai bambini; socievole con la famiglia; difende il territorio.

Perché no: testardo; difficilissimo da addestrare; richiede tanto esercizio fisico.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here