Malattie dei gatti: sintomi e cure pei problemi più comuni

0
309

Proprio come noi, anche i gatti possono andare incontro a problemi di salute. A differenza nostra, però, i gatti non possono parlare e sta quindi a noi fare attenzione e scorgere i possibili segni di una infezione o di una infiammazione. Conoscere i sintomi e i possibili rimedi dei più comuni malanni che possono affliggere i gatti è utile per prenderci cura di loro. Nelle righe che seguono faremo insieme una panoramica dei problemi di salute più diffusi tra i mici e vedremo quando e come poter intervenire.

Malattie più diffuse tra i gatti: infezioni virali

Una gran parte delle malattie che possono affliggere i gatti riguardi problemi legati alle infezioni virali. In alcuni casi è possibile intervenire con cure vere e proprie, in altri si potrà agire solo attraverso una mitigazione dei sintomi, lasciando al sistema immunitario del gatto il compito di neutralizzare il virus e ristabilire l’equilibrio.

Alcune di queste infezioni non sono curabili e non di rado possono condurre alla morte del gatto. Per la maggior parte esiste il vaccino, ed è quindi sempre consigliabile seguire il piano vaccinale consigliato dal veterinario.

Felv: la laucemia felina

Una delle malattie più comuni, soprattutto tra i gatti di strada, è la leucemia felina. Proprio per questo, se avete accolto da poco un gatto che viveva fuori casa, è bene effettuare subito un controllo medico.

Contrariamente alla maggior parte dei tumori, questa malattia neoplasica si origina a causa dell’azione di un virus ad azione oncogena, pertanto si tratta di un vero e proprio tumore infettivo.

La trasmissione del virus avviene per contatto tra i liquidi corporei, per cui i gatti randagi si infettano in genere durante la reciproca toeletta, che spesso segue le battaglie per la conquista delle femmine. Scambiandosi dolcemente le effusioni e leccandosi vicendevolmente le ferite, i gatti finiscono con l’infettarsi gli uni con gli altri.

In casa, la trasmissione da un gatto ad una altro può avvenire facilmente se utilizzano la medesima lettiera.

I sintomi della leucemia virale felina sono:

  • ingrossamento dei linfonodi
  • dimagrimento eccessivo
  • depressione
  • anemia
  • perdita di appetito
  • depressione

Non esiste una cura per la leucemia felina, mentre è disponibile un vaccino, che andrà prontamente somministrato ai cuccioli secondo le indicazioni del veterinario.

Tifo felino

Il tifo felino, o gastroenterite virale del gatto , è una malattia infettiva di origine virale il cui agente eziologico è il parvovirus. I sintomi di questa malattia

Le modalità di trasmissine di questa infezione sono analoghe a quelle della Felv, ma i sintomi sono molto differenti.

I sintomi caratteristici sono:

  • febbre
  • diarrea
  • vomito
  • disidratazione
  • debolezza e depressione

Nel caso di sospetta infezione, occorre rivolgersi immediatamente al veterinario che eseguirà i dovuti accertamenti. Il virus del tifo felino aggredisce i globuli bianchi, per cui l’infezione è facilmente evidenziabile attraverso le analisi del sangue.

La malattia da parvovirus è una malattia grave, che può portare alla morte del gatto e per la quale non esistono cure specifiche. La terapia di supporto è tesa a mantenere il gatto idratato, mediante la somministrazione di acqua per via endovenosa, e a prevenire eventuali sovrapposizioni batteriche attraverso la somministrazione di antibiotici.

Fvr: la rinotracheite virale del gatto

Questa malattia infettiva colpisce le vie aeree del micio e si trasmette attraverso i fluidi corporei del naso e la saliva.

I sintomi includono quello classici delle infezioni delle vie respiratorie:

  • febbre
  • muco
  • starnuti
  • lacrimazione eccessiva.

L’infezione può colpire gravemente l’occhio, arrivando a causare la lesione della cornea.

Il vaccino è la forma migliore di prevenzione, mentre non esiste una cura specifica.

FIV: l’AIDS del gatto

La sindrome da immunodeficienza acquisita (AIDS), che nell’uomo è determinata dall’infezione da HIV, nei gatti è sviluppata in seguito all’azione di un altro agente patogeno, il lentivirus.

Il lentivirus è in grado di mettere KO il sistema immunitario, che diviene così facile preda di infezioni virali e conseguente setticemia, che conducono purtroppo il micio al decesso.

Non esiste un vaccino per la FIV, ma alcuni gatti risultano immunizzati dopo essere stati a contatto con individui infetti senza sviluppare la malattia

Il veicolo del contagio è, nella maggior parte dei casi, il combattimento tra i maschi per l’accoppiamento. Per tale motivo, i maschi interi risultano i soggetti maggiormente inclini a contrarre la malattia.

Peritonite infettiva

Questa infezione è causata da un agente patogeno della famigia dei coronavirus, e il veicolo di trasmissione sono le feci, anche se l’infezione si transita attraverso le vie respiratorie. I gatti che annusano le feci di un gatto infetto, inavvertitamente inalano il virus e sviluppano la malattia.

I sintomi sono :

  • febbre
  • rifiuto del cibo
  • gonfiore dell’addome e del torace che risultano pieni di versamenti liquidi

Il virus colpisce i linfociti, proliferando nelle membrane che avvolgono la cavità corporea.

Calicivirosi

Questa forma di infezione virale è determinata dall’attacco di una famiglia di virus che prende il nome di picornavirus e si manifesta con sintomi di tipo respiratorio

Questi sono quindi i tipici sintomi da infezione delle vie aeree superiori, quali:

  • starnuti
  • febbre

La mortalità della malattia da picornavirus è elevata, così come l’incidenza: circa il 40% delle infezioni delle vie eree nei gatti è dovuta ad un cirus di questa famiglia.

Il vaccino è disponibile e non andrebbe risparmiato, vista l’elevata mortalità e l’assenza di una cura specifica per questa sindrome patologica virale

Infezioni batteriche: la Clamidiosi (polmonite felina)

L’infezione che più comunemente affligge i polmoni dei gatti non è causata da un virus ma da un batterio Gram negativo che si trasmette tramite il contatto con i fluidi corporei di un gatto infetto.

Il batterio in questione, Chlamidia psittaci, causa sintomi simili ad un raffreddore, con

  • lacrimazione
  • febbre
  • intensa produzione di muchi
  • arrossamento degli occhi e delle palpebre.

Essendo un batterio, può essere trattato con i prodotti antibiotici ad ampio spettro o specifici per batteri Gram negativi, sempre sotto la stretta osservazione di un medico veterinario.

Anche per la Chlamidiosi dei gatti è disponibile il vaccino e, come per le altre malattie, consigliamo vivamente di farlo fare al gatto appena ve ne sia la possibilità.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here