Maine Coon: l’affascinante gatto gigante americano

0
150

Il Maine è lo stato più settentrionale della costa est degli USA, al confine con il Canada . Da queste terre fredde, note soprattutto per la pesca ai granchi, una razza di felini ha conquistato un posto di rilievo tra gli estimatori di gatti di tutto il mondo: il Maine Coon.

La mole imponente, il carattere dolce abbinato ad un animo selvatico, oltre al mistero che avvolge le origini del Maine Coon, fanno da cornice al fascino leggendario di uno dei gatti più ricercati ed ammirati del panorama felinofilo mondiale.

Maine coon: tra storia e leggenda

Le origini del Maine Coon sono avvolte dal mistero e fanno parte del fascino di questa meravigliosa razza.

Alcune fonti attribuiscono al Maine Coone una origine scandinava. Secondo questa ipotesi, il Maine Coone avrebbe infatti un antenato in comune con i gatti delle foreste Norvegesi e sarebbe approdato in America intorno all’anno mille. A propiziarne l’arrivo sarebbero stati i vascelli vichinghi che già all’epoca veleggiavano lungo queste coste.

Un’altra teoria fantasiosa ha addirittura contribuito a generare il nome di questa razza. Maine Coone, infatti, significa “procione del Maine” e deve il nome alla credenza per la quale questa razza sarebbe un incrocio tra una lince ed un procione. La coda lunga e folta di questi gatti, infatti, ricorda quella di un procione, mentre le dimensioni e le orecchie a punta sono state attribuite ad una discendenza lìncea. Ovviamente si tratta di una mera suggestione: né la lince, infatti, né il procione possono in alcun modo essere tra gli antenati di questo affascinante gatto.

Tra le varie leggende che aleggiano intorno all’origine del Maine Coon, non mancano attribuzioni di lignaggi reali. Secondo alcuni, infatti, 6 gatti d’Angora di Maria Antonietta sarebbero stati il gruppo fondatore della razza. La verità non è nelle tasche di nessuno, purtroppo, ma la cosa più probabile è che il Maine Coon sia il prodotto del caso e della storia stessa degli USA. I coloni provenienti da ogni parte dell’Europa, infatti, avranno portato con sé gatti di tutte le stirpi e fattezze, dal cui incrocio in terra Americana sarebbe nato infine il tesoro del Maine.

Maine Coon: caratteristiche fisiche

L’aspetto del Maine Coon non passa di certo inosservato. Le dimensioni di questo gatto sono imponenti: i maschi possono arrivare a pesare 11 kg e le femmine 7. Come se ciò non bastasse, la corporatura è massiccia, con una forte muscolatura e pelo folto e caldo.

Il mantello, i cui colori possono assumere tutte le tinte dei gatti, è particolarmente spesso sul collo e sulla coda. Quest’ultima è lunga, misurando quanto il resto del corpo, e viene avvolta come una sciarpa intorno a tutta la figura.

La forma del corpo è allungata e dalle proporzioni vagamente rettangolari, il petto ampio e le zampe forti e robuste. Le dita sono ben separate, permettendogli una certa capacità manipolativa. Gli occhi, i cui colori non sono rapportati alla varietà del mantello, possono assumere varie sfumature tra il giallo, il verde il rosso ramato.

Nonostante la pelliccia folta, questa è dotata di poco sottopelo, il che la rende più gestibile di quanto si potrebbe immaginare al solo sguardo.

Carattere e convivenza

Nonostante la mole, il Maine Coone è un gatto perfettamente adatto a vivere in appartamento e tollera di buon grado la presenza di altri animali. L’indole di questo gigante buono, infatti, è docile e affettuosa e dona al Maine Coon anche una straordinaria pazienza.

Per queste sue caratteristiche è un gatto che si presta benissimo alla convivenza con i bambini e accetta volentieri la compagnia di altri quadrupedi, sia abbaianti che miagolanti. Un’altra caratteristica comportamentale tipica della razza è la loquacità: il Maine Coone ha un ampio repertorio di vocalizza e miagolii e non si fa pregare per mostrarlo.

Se lasciato libero, però, sfoggia il lato più selvatico di sé che resta in genere sopito dentro le mura domestiche. Sfoggiando una inaspettata agilità, il Maine Coone saprà sorprendervi con delle impensabili abilità venatorie, segno di un istinto primitivo mai del tutto sopito nel profondo.

Aspettativa di vita e patologie tipiche della razza

La razza è rustica e l’aspettativa di vita è, pertanto, abbastanza elevata. In genere questi gatti vivono tra i 14 e i 20 anni e godono di buona salute. Nonostante ciò, possono risultare soggetti a cardiomiopatia ipertrofica, per la quale si consiglia di effettuare regolari visite dal medico veterinario.

Allevamenti e prezzo

In Italia esistono molti allevamenti che selezionano la razza e propongono esemplari in ottima salute e perfettamente rispondenti allo standard, ad un prezzo medio che si aggira tra gli 800 e i 1500 euro.

Consigliamo sempre di rivolgersi ad allevatori professionisti in possesso di tutte le certificazioni, che rappresentano la garanzia del benessere di tutti gli animali da loro gestiti.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here