Pelo del gatto: come si formano i colori del mantello

0
1760

Il pelo del gatto può riassumere in sé colori molto diversi, sfumature, striature e macchie che contribuiscono a rendere ogni felino unico e speciale, bellissimo a modo suo. Purtroppo in alcuni casi il colore del mantello dei gatti è stata la loro maledizione: in Italia si ritiene che i gatti neri portino sfortuna, mentre in Regno Unito quelli neri sono considerati segni fortunati. Si pensa che le gatte nere con le striature rosse siano difficili, che i siamesi siano sempre speciali e quelli tigrati gatti ordinari.
Insomma, in breve possiamo dire che il modo in cui il gatto veniva considrato era quasi sempre collegato al colori del mantello. 

Da cosa dipendono i colori del gatto

Il colore originale del gatto è nero tigrato. Con l’espressione “colore originale” intendiamo dire il colore che aveva il gatto quando questa specie si è evoluta, ben prima che entrasse a far parte delle nostre famiglie. Questo colore è dovuto all’azione di un gene, detto gene Black (o gene B). I geni sono le informazioni che determinano ogni caratteristica di una essere vivente, e sono contenuti sui cromosomi. Dopo la domesticazione alcuni geni sono mutati e hanno dato vita a tante differenti tipologie di mantelli.

Un pò di genetica…felina

I gatti hanno 19 coppie di cromosomi. Ogni coppia contiene le informazioni che riguardano gli stessi caratteri, ma le informazioni scritte nei due cromosomi possono essere diverse: ad esempio su uno dei due cromosomi può esserci scritto “orecchie lunghe” e sull’altro “orecchie corte”; in questo caso il gatto avrà le orecchie lunghe oppure corte? Dipende. Le due varianti del gene si dicono “alleli” e quello che si esprime è detto “dominante”, quello che non si esprime è detto “recessivo”. Se entrambi i cromosomi portano lo stesso allele si dicono “omozigoti” per quell’allele, altrimenti si dicono “eterozigoti”. In caso di cromosomi eterozigoti, quindi, si esprime l’allele dominante. L’allele recessivo si esprime solo se i cromosomi sono omozigoti per l’allele recessivo, cioè se la versione recessiva del gene è presente su entrambi i cromosomi.

Delle diciannove coppie di cromosomi, solo una contiene i geni che determinano il sesso. Questi cromosomi sono detti cromosomi sessuali e sono di due tipi: X e Y. Se un individuo ha due cromosomi X è femmina, se ha un cromosoma X e uno Y è maschio. I cromosomi non sessuali sono detti autosomi.

I geni del colore del pelo nei gatti

I geni che controllano il colore del pelo del gatto sono 3: Il gene Black, che è presente sui cromosomi non sessuali. Il gene White, responsabile del manto bianco, anch’esso presente sui cromosomi non sessuali e dominante sul Black; il gene Orange, presente sul cromosoma X e capace di trasformare il nero in rosso.

I gatti maschi hanno solo un cromosoma X, quindi possono avere o non avere il gene Orange. Quelli che hanno il gene Orange sono rossi, quelli che non ce l’hanno sono neri. In più possono avere tutto o parte del corpo bianco se è presente il gene White.

Le femmine hanno due cromosomi X, quindi possono avere il gene Orange su un cromosoma e non averlo sull’altro. In questo caso il gatto sarà a macchie nere e rosse. Questo perché nei gatti femmine, in ogni cellula, uno dei due cromosomi X è disattivato. Per ragioni legate al modo in cui si sviluppa l’embrione, le cellule del mantello sono organizzate a formare macchie in cui tutte le cellule di quella macchia hanno attivato lo stesso cromosoma. Per cui le macchie in cui è attivo il gene Orange saranno rosse, quelle in cui non è attivo il gene Orange saranno nere. Come sempre c’è l’incognita del gene White che può creare macchie bianche dando origine ai gatti a tre colori che, come si sa, sono quasi sempre femmine.

Maschi a tre colori: è possibile?

Esiste solo un caso in cui anche i maschi possono mostrare tre colori: questo accade in maschi con una anomalia genetica detta trisomia, ovvero una condizione per cui le copie di un cromosoma non sono due ma tre. Gatti con tre cromosomi sessuali (XXY) possono essere maschi dai tre colori e di solito sono sterili

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here