Pulire gli occhi al gatto è importante per la sua salute!

0
2325

Pulire gli occhi del gatto è un gesto che può sembrare superfluo o inutile, considerata la grande attenzione che il gatto stesso pone nell’esercizio della propria igiene. In effetti in generale i gatti tendono a curare la propria pulizia in maniera molto accurata e raramente necessitano di un intervento da parte nostra. La maggiore attenzione che tendiamo solitamente a riservare alla cura dell’igiene del gatto è concentrata a spazzolarne il pelo e, una volta l’anno, fargli il bagno con il sapone antiparassitario per scongiurare le infestazioni di pulci. Eppure, una attenta igiene degli occhi può prevenire pericolose malattie o aiutarne il decorso.

Impariamo ad osservare gli occhi del gatto

Pulire quotidianamente gli occhi del gatto può essere eccessivo; al contrario osservarli con attenzione almeno una volta al giorno è sicuramente una pratica di grande utilità. L’osservazione ci permette di capire se ci sono segni di qualche infezione o irritazione e agire tempestivamente prima che si manifestino sintomi evidenti.

E’ bene ricordare, infatti, che gli animali tendono a nascondere finché possono gli eventuali sintomi di un problema fisico. E’ una questione istintiva, poiché in natura i predatori tendono a scegliere tra le possibili prede quelle che appaiono più deboli e quindi più facili da catturare. Quando un animale mostra evidenti segni di un problema, questo è già in fase avanzata. E’ quindi meglio cercare di prevenire l’insorgere di sintomi evidenti scorgendone quelli più precoci e intervenendo con tempestività.

Quando pulire gli occhi del gatto?

Detto questo come regola generale può essere utile pulire gli occhi del gatto una volta alla settimana, sempre che dall’osservazione quotidiana non notiamo qualcosa che non va. In quel caso può essere utile ravvicinare le operazioni e, se fosse necessario, ripeterle anche più volte al giorno.

Quali sono in segni da tenere in considerazione?

I segni che ci possono far capire che è il caso di prestare attenzione alla salute degli occhi del gatto sono la presenza di eccessiva lacrimazione, il gonfiore delle palpebre e la presenza di macchie scure lungo i contorni degli occhi. La lacrimazione eccessiva può essere dovuta a congiuntivite, irritazioni, infezioni, o allergie. Talvolta non riusciamo a scorgere direttamente il segno di tale fenomeno, ma è possibile osservarne i segni indiretti. Le macchie scure sul pelo intorno all’occhio ad esempio altro non sono che le incrostazioni dovute alla lacrimazione eccessiva che si formano sul pelo accanto all’occhio. Anche il gonfiore delle palpebre può essere dovuto a fenomeni allergici e dovremmo cercare di capire cosa li stia generando.

Pulire gli occhi al gatto persiano

Un caso particolare è quello del gatto persiano. Questa razza infatti è particolarmente soggetta a problemi oculari, dovuti alla particolare conformazione del suo viso. I gatti persiani hanno condotti lacrimali ristretti rispetto agli occhi, che sono grandi e sporgenti, perciò soggetti a frequenti irritazioni. Se abbiamo adottato uno di questi splendidi animali sarebbe meglio provvedere almeno due volte a settimana ad una accurata pulizia dei suoi delicati occhi.

Congiuntivite

La congiuntivite è il principale problema oculare che può interessare i nostri mici e che richiede una attenzione particola re all’igiene degli occhi del gatto. Oltre ad una intensa lacrimazione, può portare evidentemente alla formazione di muchi all’interno dell’occhio che vanno rimossi delicatamente. Il gatto potrebbe arrivare ad avere difficoltà ad aprire l’occhio a causa del fastidio e dei muchi che, seccandosi, tendono ad incollare le palpebre. Per evitare un ristagno di materiale infetto all’interno dell’occhio è bene agire pulendo con attenzione l’occhio e le palpebre aiutando il gatto ad aprire gli occhi e rimuovendo tutto lo sporco accumulato.

Come pulire l’occhio del gatto

Andiamo ora a vedere nella pratica come agire per pulire l’occhio del gatto. Vediamo innanzitutto i materiali da utilizzare: l’occhio va pulito utilizzando un batuffolo di cotone imbevuto in acqua tiepida e strizzato leggermente in modo da evitare che goccioli ma resti semplicemente umido. Possiamo utilizzare anche soluzione salina o fisiologica, che non causa fastidi e si può trovare anche sterile in confezioni sigillate. Per disinfettare si possono usare acqua borica, sempre tiepida, o colliri sotto precisa indicazione del veterinario.

Per lenire il gonfiore e dare sollievo alle irritazioni, possono anche essere utilizzati prodotti naturali a base di camomilla, malva o altre erbe lenitive.

Il batuffolo va passato delicatamente sull’occhio del gattino procedendo dall’esterno verso l’interno, cioè in direzione del naso del gatto. E’ importante non utilizzare lo stesso batuffolo per entrambi gli occhi per evitare di contagiare eventualmente il secondo occhio qualora solo il primo fosse vittima di infezioni contagiose.

Per rasserenare il gatto, può essere utile procedere tenendolo sulle nostre gambe, coccolandolo e accarezzandolo prima e durante le operazioni, parlandogli con dolcezza e facendo movimenti lenti per farlo sentire il più possibile al sicuro.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here