Le piante pericolose per i nostri animali

0
1265

I cani, come anche i gatti, amano andare in mezzo alla natura, strofinarsi nell’erba e, ahimè, talora anche assaggiarla o leccare alcune piante. È quindi bene sapere che ci sono delle piante che possono essere velenose per cani e gatti, in modo più o meno grave, anche fino a causare problemi di salute importantissimi.

Le piante pericolose: un elenco

Mughetto: causa vomito e diarrea, debolezza, aritmia. Tutta la pianta è tossica

Cycas: pianta che, nelle radici e nei semi, causa problemi come diarrea e vomito, emottisi, anche insufficienza epatica, cirrosi epatica.

Oleandro, Azalea, digitale: sono tutti fiori tossici in toto, infatti contengono una sostanza che interferisce col cuore e causa vomito, diarrea, nausea, bradicardia o al contrario tachicardia, shock.

Gelsomino: può irritare la cute, ma se ingerito causa anche crampi ai muscoli, convulsioni, paralisi, debolezza generica-

Stella di Natale: Attenzione a tenere sul tavolo o a portata di animale la stessa di natale, la sostanza che contiene può causare temporanea cecità, diarrea, vomito, nausea.

Edera: l’edera causa vomito, diarrea, dispnea, e convulsioni nell’animale che la mangia.

Potos e calla: sono piante che in ogni loro parte possono causare infiammazione, gonfiore alla gola, difficoltà a masticare e deglutire.

Dieffenbachia: causa gonfiore dell’orofaringe, e rischio di soffocamento.

Giglio: pianta pericolosa specialmente per il gatto. Può causare insufficienza renale acuta in sole 24 ore, se la mangia correte dal veterinario.

Cosa fare se il cane e il gatto ingeriscono le piante

Se il cane o il gatto hanno masticato queste piante, sciacquate con acqua corrente la bocca dell’animale, per togliere le sostanze lattiginose o resinose. Cercate di evitare che possano inghiottire l’acqua, usate il getto trasversalmente. Se invece l’animale non ha solo masticato questa pianta ma l’ha ingoiata, contattate subito il veterinario perché possa intervenire sull’animale, prima che il veleno delle piante possa irritare gli organi interni.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here