Il cane puzza. Perché e come rimediare!!

0
697

Il cane che puzza può essere un vero fastidio. I cani, si sa, sono capaci di regalarci emozioni ed amore come pochi, a volte però siamo costretti ad affrontare dei piccoli problemi legati alla loro convivenza con noi, tra cui la gestione dell’odore.

Non tutti i cani, va detto, si fanno notare per la prepotenza dei loro effluvi, ma capita alle volte che qualcuno di essi sia capace di imporre il proprio odore in maniera decisamente insopportabile.

E allora? Che fare? In questo articolo vi spiegheremo innanzitutto quali sono le principali cause del cattivo odore dei cani e come fare per porvi rimedio una volta per tutte.

Il cane puzza? Potrebbe avere un problema…

Dietro al cattivo odore di un cane ci possono essere molteplici ragioni. La maggior parte delle volte dipende da una igiene scarsa o semplicemente inappropriata, mentre altre volte la causa è da ricercarsi in problemi di salute.

Per questo motivo, se l’odore del cane è veramente forte, probabilmente la prima cosa da fare è andare da un veterinario per scongiurare eventuali problemi di salute. Una volta appurato che il cane sta bene, non resta che passare in rassegna tutti possibili rimedi.

Il cane puzza: questione di igiene

Spesso l’odore forte del cane dipende da una cattiva gestione della sua igiene. Attenzione, questo non vuol dire che siete voi che lo trascurate, anzi. Potrebbe essere vero proprio il contrario.

Per esempio un uso troppo frequente di shampoo con formule molto aggressive potrebbe sere la causa di forti irritazioni della pelle che portano il cane ad emanare un odore sgradevole e pungente.

Il cane andrebbe lavato con una frequenza compresa tra i 20 e i 40 giorni (in base alla lunghezza del pelo) e andrebbero usati prodotti delicati, naturali e a pH adeguato alla sua pelle.

Ricordiamo poi di somministrare una volta al mese l’antipulci ma di aspettare sempre almeno 48 ore dopo il bagno, se vogliamo essere sicuri che sia efficace.

Per dare un tocco in più, possiamo applicare delle essenze profumate al pelo del cane, facendo sempre attenzione ad usare prodotti naturali, meglio ancora se preparati da noi.

L’igiene della bocca del cane

A volte la ragione del cattivo odore si trova nella bocca. Il proliferare di tartaro e batteri può infatti essere facilmente la causa dello sgradevole odore che accompagna il passaggio del nostro amico quadrupede.

Utilizzare mangimi secchi e snack ad azione anti-tartaro è un primo passo, ma meglio ancora sarebbe insegnare al cane a farsi spazzolare i denti.

Tra i prodotti migliori ci sono degli spazzolini a forma di ditale, che si indossano su un dito e possono essere usati per l’igiene orale del cane senza spaventarlo. Una volta a settimana una bella spazzolata ai suoi denti aiuterà senz’altro anche voi a ritrovare il sorriso!!

Attenzione alle malattie dell’apparato digerente

Se neppure con una regolare pulizia dei denti riusciamo a migliorare l’odore della bocca del cane, è bene far effettuare un controllo specialistico perché l’odore potrebbe essere una conseguenza di malattie a carico della bocca o dell’intestino.

Probabilmente non sarà niente, ma un controllo in più è sempre meglio di uno in meno.

Asciugare bene il pelo per eliminare la puzza del cane

A volte l’alta frequenza dei bagnetti si accompagna anche ad una scorretta asciugatura del pelo, che viene lasciato umido o leggermente bagnato.

Questa condizione permette ai batteri di proliferare nel pelo e produrre quel caratteristico odore di “cane bagnato” che può essere tanto fastidioso.

E’ necessario quindi prestare la massima attenzione e asciugare sempre per bene il pelo del nostro compagno.

Otite del cane: se la puzza è nelle orecchie

Uno dei problemi più frequenti nei cani è l’otite. In caso di otiti si ha la proliferazione di una sostanza, la malassenzia, che è responsabile dello sviluppo di odore pungente e fastidioso.

Molto spesso la proliferazione di questo lievito è dovuto a problemi legati all’alimentazione. Il consiglio è quindi quello di approfondire, il cane potrebbe essere intollerante o peggio allergico a qualche alimento che sta mangiando.

I protocolli per evidenziare eventuali intolleranze sono un po’ noiosi ma spesso sono l’unico sistema davvero efficace.

Sindrome della coda di stallone

A volte il cane emana un odore nauseabondo proveniente dalla zona anale. La causa in questo caso è generalmente attribuibile ad un problema infiammatorio a carico di ghiandole che si trovano nella zona posteriore dell’animale.

Capire se il problema è realmente questo è semplice, perché il cattivo odor si accompagna in genere a perdita di pelo nella zona della coda e produzione di sebo. In questo caso, il problema è da ricercarsi innanzitutto in una scarsa igiene del cane.

Aumentare la frequenza dei bagnetti, utilizzando sempre prodotti delicati e naturali, aiuta a risolvere. Il veterinario facilmente ci consiglierà di utilizzare un prodotto antiinfiammatorio per aiutare a risolvere l’infiammazione in atto e potrebbe anche suggerire l’utilizzo di antibiotici, visto che spesso i responsabili dell’infiammazione sono batteri o altri microorganismi patogeni.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here