La guida al gattino: 3 regole per far ambientare il gatto in casa

0
3956

Avere un gattino in casa è sempre una gioia molto grande. Quando giunge il micio, sia piccolo che grande, è bene cercare di fare del proprio meglio per permettergli di ambientarsi nell’abitazione. I gatti sono animali estremamente territoriali e tendono ad affezionarsi molto al luogo dove vivono, che deve essere sereno e tranquillo. Per un gatto, più che per un cane, l’abitazione è un punto di riferimento e parte del processo di socializzazione e del suo benessere.
Vediamo quindi qualche regola per cercare di mettere a suo agio il gattino i primi giorni nella casa nuova.

  • Stabilirlo in una stanza. Sarebbe meglio evitare di ‘lasciare libero’ il ricetto in tutto l’appartamento o la casa.
    Meglio dedicargli una stanza, con la lettiera e le ciotole per mangiare. Infatti il gatto quando arriva in un ambiente nuovo tende a strusciarsi contro gli oggetti imprimendo il suo odore, in modo che annusandoli li percepisca come oggetti familiari e si senta tranquillizzato. Dopo due o tre giorni si può iniziare a far uscire il micio per esplorare la casa, un po’ alla volta.
  • Alimentarlo correttamente. Per il benessere del gattino è doveroso alimentarlo in maniera qualitativamente e quantitativamente corretta. I gatti a venti giorni di vita hanno già dei destini affilati, quindi ad un certo punto si smette di dare loro latte.
    Patè, mousse e pian piano piccoli croccantini devono essere messi a disposizione del gatto gradualmente, assieme alla ciotola dell’acqua fresca che non deve mai mancare. I gatti si regolano in autonomia circa la quantità di cibo da mangiare, in ogni caso per controllare che si sfami a sufficienza controllate quanti grammi di cibo/croccantini lasciate nella ciotola.
  • Fare giocare il micio in casa.
    La terza regola consiste nel far giocare il gattino con giochi adeguati: possono essere un gomitolo, ma attenzione ai fili perché i mici possono ingerire la lana con delle conseguenze anche gravi per la loro salute.
    Meglio quindi le palline da tennis, che non possono essere ingerite, e in ogni caso non date mai al gattino dei giochi che contengono parti che si possono staccare, in modo che non possa ingerirle.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here