8 consigli utili per il benessere del tuo cane in primavera

0
1372

L’arrivo della primavera porta con sé le prime giornate calde, anche se ma il clima non è ancora stabile, e diversi fattori concomitanti possono causare problemi di salute, sia alle persone che  ai nostri amici animali.

Per proteggere il nostro peloso, sarebbe opportuno prendere in considerazione diverse accortezze, che vanno da una alimentazione corretta (bilanciando cibo secco e umido) alla toelettatura di ogni giorno, alla prevenzione di alcune patologie tipiche di questa stagione.

Qui vi elenchiamo una serie di consigli da seguire e di informazioni da conoscere per vivere al meglio con i nostri amici a quattro zampe durante questo periodo dell’anno.

Il cibo

Le temperature che iniziano ad aumentare richiedono un maggior apporto di acqua nel cane.

Per questo motivo può essere utile variare l’alimentazione, sia aggiungendo all’alimento secco (ai croccantini) del cibo umido o del cibo preparato in casa, sia cambiando completamente la dieta del cane, passando ad un’alimentazione casalinga che, tra l’altro, ha diversi benefici a lungo termine sulla salute del cane.

Se state pensando ad un cambio alimentare, la primavera è il momento adatto.

Il movimento

In inverno i cani, specialmente quelli che vivono in appartamento, tendono ad ingrassare, esattamente come accade agli esseri umani.

Infatti, il movimento si riduce mentre la dose di alimento che il cane mangia rimane all’incirca la stessa delle altre stagioni; per questo motivo la primavera, in cui il clima diventa più mite, è il momento migliore per riprendere a fare un po’ di movimento con il cane, per smaltire il peso in eccesso accumulato durante il periodo invernale.

Il calore

Per le femmine, la primavera è con l’autunno la stagione in cui più frequentemente si ha il calore, naturalmente se la femmina non è sterilizzata.

Se abbiamo intenzione di fare dei cuccioli dobbiamo fare attenzione al suo arrivo, mentre se non li vogliamo è opportuno notare la presenza del calore per evitare la presenza dei maschi (il periodo fertile dura all’incirca 7-8 giorni). Attenzione anche se avete dei maschi, perché se sentono i feromoni emessi dalle femmine in calore è più probabile che scappino, ad esempio finendo in mezzo ad una strada.

I forasacchi

Uno dei problemi principali della primavera, soprattutto del mese di Maggio, sono i forasacchi, le reste di alcune graminacee come l’avena che cresce un po’ in tutti i giardini, parchi e aiuole.

Il forasacco ha una struttura a “lisca di pesce”, e se entra in una cavità dell’organismo continua a muoversi e penetra sempre di più all’interno. Può entrare nel naso, nelle orecchie, tra le dita e in altre parti dell’organismo, e toglierli può essere difficile anche per i veterinari (specialmente se entra troppo in profondità nelle vie respiratorie).

Evitarli completamente è impossibile, ma si possono notare subito i sintomi da forasacco e portare il cane il prima possibile dal veterinario.

Le processionarie

La primavera è la stagione delle processionarie, lepidotteri (simili a falene) che fanno i loro nidi principalmente sulle querce e sui pini.

Le processionarie sono pericolose non tanto da adulte, quanto da larve, perché possono creare lunghe processioni (si dispongono in fila indiana) e sono pericolosissime per il cane, specialmente se ne ingerisce qualcuna.

Infatti hanno una superficie altamente urticante, che stimola l’infiammazione nelle mucose che vengono a contatto con il corpo. Se il cane ingerisce una processionaria rischia il soffocamento, perché l’infiammazione alla faringe è così forte da ostruire le vie respiratorie; se vedete una “processione”, statene alla larga e avvertite i vigili del fuoco (115) perché brucino il nido, evitando rischi per gli altri animali e per i bambini.

Le pulci e le zecche

Le pulci e le zecche sono due animali, parassiti, a cui fare attenzione in primavera. Come tutti gli invertebrati, sono più attivi se la temperatura aumenta, e questo significa che è più probabile per il cane avere un’infestazione da parte di questi animali.

Per evitarli è importante il trattamento con gli antiparassitari esterni che permettono di tener lontani questi parassiti.

Le zanzare e i flebotomi

Altri due parassiti molto pericolosi per il cane in primavera, perché anch’essi diventano più attivi, sono le zanzare e i flebotomi.

Questi due parassiti trasmettono rispettivamente la filariosi e la leishmaniosi, due malattie piuttosto pericolose per il cane; per questi insetti è opportuno usare gli antiparassitari esterni, ma attenzione: non tutti gli antiparassitari sono attivi sugli insetti volanti, alcuni sono attivi solo contro pulci e zecche, per cui attenzione a scegliere bene!

Per la filariosi è inoltre opportuno chiedere al veterinario (è necessaria la ricetta) il trattamento per uccidere questi vermi, disponibile per via orale oppure per iniezione.

Le allergie

Quando si pensa alle allergie del cane si pensa generalmente a quelle di natura alimentare ma il cane, proprio come noi, può essere allergico alle sostanze che si trovano nell’aria, come i pollini.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here