Pulci del gatto: 5 segnali ai quali fare attenzione

0
4377

Piccole, subdole, fastidiose, pericolose. A volte spaventose!! Sono le pulci, sicuramente le più temute tra i tutti i parassiti che possano infestare il pelo dei nostri gatti.

Una volta entrate nelle nostre vite, restano lì, per sempre, nella nostra mente. Nonostante avessimo consumato ettolitri di antiparassitario, trattato ogni centimetro della casa con antipulci, insetticida, napalm e fosforo bianco il pensiero continua a macinare nella testa… Il pensiero che una larva sia sopravvissuta ai nostri bombardamenti, che una pupa sia riuscita a nascondersi tra le trincee e stia ora organizzando una controffensiva, aspettando solo il favore delle tenebre….

E allora cosa fare? Come organizzare una difesa tempestiva ed efficace?

La risposta è ovviamente nell’organizzazione dell’intelligence! In guerra chi prima riesce ad avere informazioni ha la vittoria in tasca.

E allora è giunto il momento di svelarvi i 5 segnali per scorgere le tracce di un imminente invasione di pulci tra i peli dei vostri adorabili micioni!!!

N°1: Prurito

Sembra scontato, ma ovviamente è il primo segnale che qualcosa non va. Il gatto si gratta più del solito, con insistenza, quasi con rabbia. Insiste vicino alle orecchie con le zampe, con tutta la forza che ha in corpo. E con la bocca mordicchia irrefrenabilmente il dorso, la base della coda, leccandosi con vigore le zampe. Allarme!! Allarme!! Certo non possiamo ancora esserne sicuri, i gatti si grattano anche per staccare il pelo morto durante la muta e si leccano per ripulirsi il pelo, ma un atteggiamento simile va sempre tenuto in grande considerazione.

N°2: Puntini neri tra i peli del gatto

Scorgere le pulci è davvero difficilissimo. Sono molto piccole e saltano in continuazione da qui a la, senza dare il tempo di osservarle. Appena si accorgono di noi saltano giù dal pelo e vi tornano su in un lampo appena ci siamo allontanati. Eh Si, sperare di beccarle in flagrante è davvero un’impresa disperata. Molto più facile è scorgerne invece le tracce, o meglio…le feci. Queste si accumulano sul manto del gatto come puntini neri e, quando le pulci sono tante, formano di veri e propri ammassi di quella che sembra una polvere scura e farinosa. Se siamo in dubbio possiamo prenderne un po’ e metterla su della carta velina umida. Se diventa rossa, per la presenza di sangue rappreso, questo è un segnale inequivocabile. Se le feci di pulce sono tante, la battaglia è già iniziata!!!

N°3: Grumi di sangue secco

Alle volte sul fronte è il sangue dei caduti a darci l’idea di quanto aspra sia la lotta. E questa volta a donarlo sul campo di battaglia è proprio lui, il nostro fedele compagno di fusa. In mezzo al suo pelo infatti potremmo osservare grumi rosso scuro appiccicati alla base del manto. Il nemico ha colpito…ma siamo ancora in piedi

N°4: Alopecia localizzata

Questa volta è il fuoco amico ad aver fatto danni ai nostri reparti avanzati. Il gatto, profondamente infastidito dal continuo pizzicore causato dalle punture di questi odiosi insetti, arriva a strapparsi il pelo di pelo di dosso a furia di grattare e leccare. La conseguenza è la comparsa di macchie glabre sul corpo del povero felino, spesso alla base della coda o sulla groppa. Altre volte la perdita di pelo non è dovuta all’opera del micio, ma alla reazione della cute alla saliva delle pulci, che può scatenare una reazione allergica. L’esito è presto detto: caduta del pelo e pelle nuda e malconcia. La battaglia è persa, ma la guerra continua.

N°5: Lesioni cutanee

E’ un altra conseguenza della reazione cutanea di cui sopra; oltre alla perdita del pelo si possono osservare delle evidenti lesioni cutanee. La pelle è ferita e sono evidenti croste e pustole. Le armi chimiche del nemico stanno facendo gravi danni, e le nostre difese vacillano. L’allergia è un fenomeno difficile da controllare e può portare anche a conseguenze gravi, come lo shock anafilattico. Ora è proprio giunto il momento di passare alle maniere forti. Il nemico ha passato il Rubicone, il dado è tratto e l’ora delle decisioni irrevocabili è scattata. Da questo momento l’offensiva sarà inesorabile, e per le pulci le ore sono contate. Vuoi sapere come organizzare il contrattacco in maniera efficace e duratura? Qui troverai tutte le informazioni che ti servono. In bocca al lupo e…che la forza sia con te!!!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here