Igiene di un acquario

0
639

La pulizie e l’igiene costante dell’acquario è una pratica fondamentale per la vita dei pesci che vivono in esso e richiede un impegno costante e attento. Non bisogna dimenticare, infatti, che l’acquario costituisce un vero e proprio ecosistema in cui tutti processi vitali devono essere correlati tra loro al fine di garantirne un perfetto equilibrio.

Strumenti per la pulizia dell’acquario

Per mantenere l’acquario in buone condizioni igieniche è necessario che l’acqua venga correttamente filtrata e pompata al fine di sostituire quella sporca con quella pulita. Perciò è fondamentale la pulizia del filtro, almeno una volta ogni 15 giorni, attraverso impianti adeguati o materiali biologici.

Anche le alghe che si accumulano sulle pareti dell’acquario possono inficiare alla pulizia dello stesso. Per questa ragione si consiglia di effettuare, almeno una volta alla settimana, una pulizia attraverso un raschiatore che aiuterà a ripristinare l’ecosistema.

Pesci pulitori

Non sottovalutiamo la possibilità di introdurre nel nostro acquario dei pesci pulitori, pesci speciali che si nutrono dei detriti e dei residui che si trovano sul fondo e sui bordi della vasca. Ovviamente prima di procedere all’acquisto di questi particolari pesci, è bene informarsi se questi saranno compatibili coi pesci presenti nel nostro acquario.

Con che frequenza è necessario pulire il nostro acquario

Per quanto riguarda la frequenza della pulizia, questa dipende da diversi fattori, tra cui la quantità e il tipo di animali acquatici, le dimensioni dell’acquario, o il tipo di vegetazione che è parte dell’ecosistema. E’ possibile distinguere tra tre tipi di pulizia: settimanale, mensile e periodica. La pulizia settimanale consiste nella rimozione dalla bocchetta di ingresso della pompa di alghe o vegetazione morta. La pulizia mensile prevede il cambio del 20-30% dell’acqua e l’aspirazione di eventuale sporcizia sul fondale. Infine, la pulizia periodica, ogni due o tre mesi consiste nel ripulire, con l’apposita spugna calamitata, i vetri dell’acquario per togliere sporco, residui organici e alghe, anche se nulla vieta di effettuarla più spesso, qualora lo si ritenesse necessario. E’ prevista anche la pulizia delle lampade da eventuali incrostazioni e il controllo delle tubature di aria e acqua e alla loro eventuale pulizia.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here