I sensi del cane, questi sconosciuti

0
1290

Cosa sappiamo del modo per mezzo del quale il cane percepisce il mondo? Poco, molto poco. Spesso e volentieri per cercare di comprendere la relazione fra il cane ed il mondo cerchiamo di paragonare i suoi sensi con i nostri; eppure potrebbe trattarsi di qualcosa di molto diverso.

I sensi del cane, cioè, potrebbero essere molto più estesi dei nostri, o meno estesi, a seconda.
In particolare è stato dimostrato che il cane riesce a percepire il campo magnetico della terra; riesce a percepire il calore del corpo, ed il campo elettrico di altri esseri viventi. Potrebbe esserci molto di più rispetto ai cinque sensi che noi conosciamo.
Ma ovviamente non possiamo essere sicuri di quanti e quali sensi il cane abbia in più degli esseri umani. Per questo motivo, ci limiteremo ad analizzare i sensi del cane paragonati ai nostri. 

La Vista

Il cane vede peggio dell’essere umano, o meglio, noi uomini abbiamo una risoluzione molto più intensa e percepiamo più colori. Sembra che il cane percepisca la visione più sfocata, e molti meno colori, tendenti al giallo e al blu.
Il cane, essendo un predatore, ha una vista estremamente sensibile al movimento, piuttosto che ai colori. Quindi il cane è capace di vedere anche degli oggetti che si muovono molto lontano: fino a 2 km di distanza.
Il cane vede meglio di noi quando la luce è bassa, perché ha ereditato dai suoi parenti cacciatori questa visione notturna, grazie alla presenza di bastoncelli negli occhi. Inoltre il cane vede un campo visivo fino a 270 gradi, l’essere umano al massimo 180.

L’udito

Il cane ha, notoriamente, un eccellente udito. Il suo udito è molto più sensibile del nostro, ma anche la frequenza dei suoni che percepisce è assai differente. Il cane percepisce frequenze da 40 a 46mila hertz, noi circa la metà. Il cane nella confusione sonora sa distinguere un tono particolare; inoltre la conformazione delle orecchie dei cani cambia da razza a razza, come ben sappiamo, ed ha una forma genericamente concava per cercare di non disperdere il suono.

Olfatto del cane

Si tratta del senso più sviluppato in assoluto per il cane; egli ha 220milioni di ricettori olfattivi, l’essere umano all’incirca solo 5-10 milioni. Inoltre la mucosa olfattiva del cane si estende per 150 cm quadrati, la nostra 4-8 cm al massimo.
Il cane, insomma, ha un’intelligenza olfattiva estremamente sviluppata, e questo è particolarmente vero in alcune razze, come i cani da polizia, i cani da tartufo, ecc. Il cane riesce a identificare odori vecchi fino a due mesi, e attraverso l’olfatto riconosce le marcature dei suoi simili, il loro sesso, età, stato di salute.

Il tatto

Il cane ha un tatto sviluppato più o meno come quello dell’essere umano. Anzi, l’uomo ha più sensibilità sulle dita, mentre il cane è dotato di peli detti vibrisse che lo aiutano nel tatto. Egli percepisce quindi la temperatura del terreno. Il tatto è particolarmente importante quando il cane è cucciolo e gli altri sensi sono ancora poco sviluppati.

Il gusto

I cani hanno 1700 papille gustative, l’uomo circa 9mila. Quindi questi animali percepiscono molto meno il gusto rispetto all’uomo. Vi siete mai chiesti perché in genere i cani non mangiano nulla se non l’hanno prima annusato? Proprio per questo motivo. Sembra che il cane prediliga il dolce ed il caldo al freddo ed al salato.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here