Il Kong: questo strano oggetto come funziona e come si usa

0
18656

Se avete fatto un giro in un negozio di animali, tra i giochi per cani, avrete sicuramente notato una serie di oggetti, che messi tutti accanto per dimensione sembrano una matrioska, di colore rosso e nero, con due pance: sono i Kong, giocattoli per cani assolutamente semplici ma alquanto utili nel loro addestramento.

Se li avete presi in mano senza sapere a che cosa servissero, li avrete sicuramente riposti subito, anche perché non costano così poco. Sono degli oggetti di gomma bucati, poco di più.

E allora perché sono così importanti?

Kong per cani: come si usa

L’utilizzo del Kong per cani è abbastanza semplice, perché ha delle caratteristiche particolari che lo rendono adatto ad una serie di attività diverse.

È un oggetto in gomma, ed ha una caratteristica importante: è praticamente eterno. La gomma è fatta in modo che un cane, quando la mastica, non si stacchi ed è quindi resistentissima (è fatta per essere masticata) e tra l’altro è della consistenza giusta perché a un cane faccia piacere masticarla. È questo il motivo per cui i Kong per cani ci sono in varie misure.

Ma naturalmente i cani non la masticherebbero se non fosse per qualcosa che, oltre alla masticazione in sé, da loro piacere: il Kong viene riempito di cibo, leccornie di qualsiasi tipo.

Riempirlo è forse la parte più difficile per utilizzarlo, perché lo scopo del Kong è il tenere impegnato il cane, quindi il cibo deve poter uscire (altrimenti non se lo fila) ma deve anche avere qualche difficoltà ad uscire (se esce tutto nel giro di pochi minuti poi non serve più a nulla).

Di solito, si cerca di mettere qualcosa di denso, come il formaggio spalmabile, all’interno del Kong miscelato ai croccantini, così che faccia un po’ da “collante” e non li faccia uscire troppo facilmente come se ce li mettessimo da soli.

Articolo correlato: Il Kennel cos’ è e come si usa

Qualcuno, poi, lo mette tre ore in freezer, fa congelare tutto, e allora per il cane diventa una specie di ghiacciolo: non può mangiarlo tutto insieme, deve necessariamente leccarlo e dura di più. Può durare anche diverse ore, prima di finire tutta la “riserva di cibo” che ha dentro.

Questo perché quando diamo il Kong al cane, lui cerca di mangiarlo. E qui arriva il bello… Scivola! Inizia a rotolare, a rimbalzare, e lui cerca di tenerlo fermo con le zampe per leccarlo, poi non ce la fa a infilare la lingua dentro, gli rotola di nuovo e così via… Può passare anche diverse ore divertendosi in questo modo, con una spesa minima e senza bisogno di controllo, perché se ha quello non farà altro.

kong 2Kong per cani: cosa si può insegnare

Gli addestratori di cani consigliano sempre l’utilizzo del Kong se possibile, perché è un ottimo premio che dura a lungo, è un “rinforzo positivo” tra i migliori in assoluto, motivo per cui si può insegnare di tutto. Si va dal comando “seduto”, molto semplice, al “cerca”, chiaramente se il Kong pieno di cibo viene nascosto.

Ma è anche un modo per evitare problemi comportamentali derivanti dalla noia quando, ad esempio, abbiamo da fare o non siamo in casa perché siamo al lavoro e il cane non può stare con noi.

Palline, corde da tirare e cose del genere sono divertenti, ma quando ci siamo anche noi, quando il cane è solo perdono il loro fascino. E questo comporta che il cane inizi ad avere dei comportamenti strani, prendere oggetti che non sono suoi, abbaiare o avere comportamenti patologici. Del resto, provate voi a stare chiusi ore e ore in una stanza senza smartphone/televisione/radio/internet… Non impazzireste? Per il cane queste cose semplicemente non esistono.

È per questo che il Kong è utile: se quando usciamo di casa lo diamo al cane, la sua “ansia da separazione” si ridurrà progressivamente fino a scomparire del tutto, perché il momento in cui ce ne andiamo di casa sarà un momento per lui felice, sa che avrà il suo Kong e si divertirà. Poi quando entriamo di nuovo in casa glielo togliamo perché ci siamo noi.

Si tratta di un oggetto quindi molto utile. Al di là del costo un po’ elevato (è così perché i diritti li ha una sola azienda, la Kong appunto) sappiate che non dovrete ricomprarlo per tutta la vita del cane, quindi è un “investimento” che si spalma su 15 anni. E che, specialmente nel primo periodo, quello in cui il cane deve imparare una serie di cose, è molto utile. Molto più utile, sicuramente, di quanto avremmo mai potuto immaginare.

Visualizza il KONG consigliato da Love4pet.it

Il tuo peloso gioca già con un Kong? Raccontaci la tua esperienza qui lasciando un commento

Love4pet – Ci mettiamo il cuore

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here